ANAGRAFE CANINA

ANAGRAFE CANINA

Identificazione dell’animale

Il “microchip” è l’unico sistema di identificazione dei cani circolanti sul territorio regionale.

I cuccioli devono essere identificati tramite microchip da applicarsi entro 60 giorni dalla nascita e comunque prima della loro cessione. E’ vietato detenere, cedere o vendere cani non registrati e non identificati.

In caso di inosservanza è prevista la sanzione amministrativa di cui all’art. 12 della L.R. 18/2004.

Per provvedere all’identificazione mediante microchip sul territorio regionale, il cittadino può rivolgersi direttamente al Servizio Veterinario dell’ASL di residenza, pagando una tariffa definita dalla Regione Piemonte oppure ad un medico veterinario libero professionista autorizzato, pagando la parcella.

Il proprietario deve presentarsi dal Medico Veterinario (del servizio ASL o libero professionista) munito di documento di riconoscimento in corso di validità, nonché codice fiscale, indispensabili per la registrazione nella banca dati informatizzata regionale. Copia della scheda di registrazione e identificazione rilasciata dal medico veterinario che applica il microchip deve essere conservata dal proprietario del cane in quanto costituisce elemento identificativo obbligatorio. Sarà cura del medico veterinario identificatore trasmette le copie della scheda di identificazione agli Organi competenti.

I cani identificati mediante tatuaggio non devono essere nuovamente identificati con il microchip. Nei casi in cui il tatuaggio di un cane sia diventato illeggibile, il proprietario ha l’obbligo di provvedere ad una nuova identificazione tramite microchip.

ULTERIORI INFORMAZIONI DI CARATTERE GENERALE:

Nei casi sotto evidenziati, il cittadino deve recarsi presso l’ufficio Polizia Municipale per effettuare la prescritta segnalazione:

SMARRIMENTO DI UN CANE Nel caso di smarrimento del cane va dato subito avviso (entro 3 giorni) alla Polizia Municipale del Comune dove viene detenuto il cane. Parimenti dovrà essere segnalalo l’eventuale ritrovamento.

RINVENIMENTO DI UN CANE VAGANTE O RANDAGIO

Se un cittadino trova un cane vagante o randagio deve darne immediata comunicazione alla Polizia municipale del Comune dove è stato avvistato l’animale. Solo nei casi in cui sia impossibile contattare la Polizia Municipale e la segnalazione rivesta carattere di urgenza, sarà possibile rivolgersi anche ai Carabinieri, alla Polizia stradale, al Corpo Forestale dello Stato o al Veterinario ufficiale dell’ASL, i quali potranno provvedere ad attivare il servizio di accalappiamento.

Si ricorda che l’Ente ha stipulato una convenzione intercomunale per la gestione e la cura dei cani abbandonati e gli animali catturati sul territorio comunale sono ricoverati presso Il RIFUGIO DI CAVOUR ove l’utenza può chiedere informazioni circa i cani presenti nella struttura e richiederne la restituzione o adozione. Ulteriori informazioni sono reperibili al seguente indirizzo: www.rifugiodicavour.it/

Nei casi sotto evidenziati, il cittadino deve recarsi presso l’ufficio veterinario dell’ASl CN1 per effettuare la prescritta segnalazione:
CESSIONE/ACQUISIZIONE DI UN CANE

I cani nati in Piemonte dopo il 5/11/2004 devono essere ceduti già registrati e identificati. La regola vale anche per i cani iscritti al libro genealogico, la cui registrazione è duplice: all’anagrafe canina e al registro ENCI. Infatti, secondo il D.M. n. 20894 del 18/04/2000, “Norme tecniche Libro Genealogico del cane di razza”, è previsto che l’allevatore od il proprietario, provveda ad identificare i cuccioli entro 90 giorni dalla nascita, e comunque prima che vengano allontanati dall’allevamento. Per la cessione, a qualsiasi titolo (vendita, commercio, gratuitamente), il proprietario che cede il cane, deve dare segnalazione al Servizio veterinario dell’ASL di residenza, entro 15 giorni, indicando i dati completi del nuovo proprietario, che firma il modello per attestare che ha effettivamente acquisito il cane e che i dati riportati sono corretti.

L’anagrafe canina registra ufficialmente la proprietà dell’animale; pertanto in caso di una cessione non segnalata e registrata, tutti gli obblighi e gli oneri relativi al cane restano in carico al proprietario di origine. Il privato che intende acquisire o detenere un cane deve verificare che il soggetto sia stato preliminarmente registrato ed identificato, richiedendo copia della relativa attestazione.
VARIAZIONE DELLA SEDE DI DETENZIONE

Il proprietario o l’eventuale detentore, in caso di variazione definitiva della sede di abituale detenzione, deve darne comunicazione, entro quindici giorni, al Servizio Veterinario dell’ASL di residenza.
MORTE DEL CANE

Il proprietario o l’eventuale detentore, in caso di morte del cane, deve darne comunicazione, entro quindici giorni, al Servizio Veterinario dell’ASL di residenza.
PER ULTERIORI INFORMAZIONI: www.regione.piemonte.it/sanita/sanpub/animale/anacanina.htm

MODULISTICA

Smarrimento cane (Editabile)

Cane vagante (Editabile)

Ultimi articoli

In evidenza 16 Febbraio 2021

Avviso

Avvio del procedimento per l’affrancazione di immobili denominati “meire” soggetti a livello ed enfiteusi.

In evidenza 5 Febbraio 2021

MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PER ALLACCIAMENTO GAS

Gentile Cittadina/o in previsione di un possibile intervento di sviluppo della RETE del GAS da parte della ITALGAS Reti S.

torna all'inizio del contenuto