ENTRA

. Comune di Bagnolo Piemonte

.... Piazza Divisione Alpina Cuneense, 5 (CN) - Tel. 0175 391121

PROCURA SPECIALE DIGITALE

La procura speciale può essere utilizzata per l'inoltro di documentazione o di istanze ove l'interessato richiedente non è il soggetto che materialmente provvede all'inoltro mediante l'utilizzo di una PEC personale.

Art 38 D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445

Modalità di invio e sottoscrizione delle istanze

1. Tutte le istanze e le dichiarazioni da presentare alla pubblica amministrazione o ai gestori o esercenti di pubblici servizi possono essere inviate anche per fax e via telematica.

2. Le istanze e le dichiarazioni inviate per via telematica sono valide se effettuate secondo quanto previsto dall'articolo 65 del decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82.

3. Le istanze e le dichiarazioni sostitutive di atto di notorietà da produrre agli organi della amministrazione pubblica o ai gestori o esercenti di pubblici servizi sono sottoscritte dall'interessato in presenza del dipendente addetto ovvero sottoscritte e presentate unitamente a copia fotostatica non autenticata di un documento di identità del sottoscrittore. La copia fotostatica del documento è inserita nel fascicolo. Le istanze e la copia fotostatica del documento di identità possono essere inviate per via telematica; nei procedimenti di aggiudicazione di contratti pubblici, detta facoltà è consentita nei limiti stabiliti dal regolamento di cui all'articolo 15, comma 2 della legge 15 marzo 1997, n. 59.

Art. 65 Decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82

Codice dell'amministrazione digitale

Istanze e dichiarazioni presentate alle pubbliche amministrazioni per via telematica :

1. Le istanze e le dichiarazioni presentate alle pubbliche amministrazioni e ai gestori dei servizi pubblici per via telematica ai sensi dell'articolo 38, commi 1 e 3, del decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445, sono valide:

a) se sottoscritte mediante la firma digitale o la firma elettronica qualificata, il cui certificato è rilasciato da un certificatore accreditato;

b) ovvero, quando l'autore è identificato dal sistema informatico con l'uso della carta d'identità elettronica o della carta nazionale dei servizi, nei limiti di quanto stabilito da ciascuna amministrazione ai sensi della normativa vigente;

c) ovvero quando l'autore è identificato dal sistema informatico con i diversi strumenti di cui all'articolo 64, comma 2, nei limiti di quanto stabilito da ciascuna amministrazione ai sensi della normativa vigente nonché quando le istanze e le dichiarazioni sono inviate con le modalità di cui all'articolo 38, comma 3, del decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445.

c-bis) ovvero se trasmesse dall'autore mediante la propria casella di posta elettronica certificata purché le relative credenziali di accesso siano state rilasciate previa identificazione del titolare, anche per via telematica secondo modalità definite con regole tecniche adottate ai sensi dell'articolo 71, e ciò sia attestato dal gestore del sistema nel messaggio o in un suo allegato. In tal caso, la trasmissione costituisce dichiarazione vincolante ai sensi dell'articolo 6, comma 1, secondo periodo. Sono fatte salve le disposizioni normative che prevedono l'uso di specifici sistemi di trasmissione telematica nel settore tributario;

1-bis. Con decreto del Ministro per la pubblica amministrazione e l'innovazione e del Ministro per la semplificazione normativa, su proposta dei Ministri competenti per materia, possono essere individuati i casi in cui è richiesta la sottoscrizione mediante firma digitale.

1-ter. Il mancato avvio del procedimento da parte del titolare dell'ufficio competente a seguito di istanza o dichiarazione inviate ai sensi e con le modalità di cui al comma 1, lettere a), c) e c-bis), comporta responsabilità dirigenziale e responsabilità disciplinare dello stesso.

2. Le istanze e le dichiarazioni inviate o compilate su sito secondo le modalità previste dal comma 1 sono equivalenti alle istanze e alle dichiarazioni sottoscritte con firma autografa apposta in presenza del dipendente addetto al procedimento.

MODULISTICA

Procura digitale (Editabile)

CONTRASSEGNO PORTATORI DI HANDICAP

COME RICHIEDERLO
Per richiedere il contrassegno è necessario fare richiesta al Sindaco e consegnare la domanda con tutti gli allegati al Protocollo di questo Comune utilizzando il modulo prestabilito allegando obbligatoriamente i documenti/fotografie indicati nella richiesta.
Nel caso di rinnovo di un contrassegno in corso di validità, la restituzione del vecchio contrassegno potrà avvenire contestualmente al ritiro del nuovo contrassegno.
OBBLIGO DELLA FIRMA
Il contrassegno per gli invalidi deve essere obbligatoriamente firmato dall’avente diritto. Qualora l'interessato non sia deambulante autonomamente, unitamente all'istanza dovrà essere allegata una certificazione medica attestante l'impossibilità a raggiungere gli uffici comunali per la firma del contrassegno.

PRIMO RILASCIO

Per richiedere il contrassegno è necessario avere i seguenti requisiti:
L’interessato deve presentare domanda al Sindaco nella quale, oltre a dichiarare sotto al propria responsabilità i dati personali e gli estremi oggettivi che giustificano la richiesta, deve presentare obbligatoriamente  n° 1 fotografia a colori delle dimensioni massime di cm 3,7 x 4,3 scattata da meno di 6 mesi e la Certificazione medica rilasciata dall’Ufficio di Medina Legale della A.S.L. CN1 , dalla quale risulta che nella visita medica è stato espressamente accertato che la persone per la quale viene richiesta l’autorizzazione ha  capacità di deambulazione impedita o ridotta.
Si specifica che i documenti/fotografie sopra indicati devono essere obbligatoriamente allegati alla domanda al fine di evitare ritardi o mancato rilascio del Contrassegno Invalidi.

In merito alla certificazione rilasciata dalla medicina legale si precisa che gli eventuali verbali della commissione medica indicante il grado d'invalidità,  il diritto ad ottenere ausili ecc,  o la sussistenza dei requisiti previsti dalla legge n° 104/1992 non sono validi al fine del rilascio del contrassegno se non risulti chiaramente il diritto di ottenere il contrassegno di cui all'art 188 del Codice della strada . Il richiedente deve quindi esibire la certificazione ove risulti chiaramente il diritto al rilascio del contrassegno.

RINNOVI

- Autorizzazione con Validità di anni 5
Il rinnovo avviene con la presentazione della Domanda nella quale deve  dichiarare sotto al propria responsabilità i dati personali e gli estremi oggettivi che giustificano la richiesta allegando:
1. Certificato medico del medico curante che confermi il persistere delle condizioni sanitarie che hanno dato luogo al rilascio.
2. n. 1 Fotografia formato tessera a colori.

- Autorizzazione temporanea.
Il rinnovo avviene con la presentazione della Domanda nella quale deve  dichiarare sotto al propria responsabilità i dati personali e gli estremi oggettivi che giustificano la richiesta allegando:
1. Certificazione Medica rilasciata dall’Ufficio  medico-legale dell’A.S.L. di appartenenza che attesti che le condizioni della persona invalida danno diritto all’ulteriore rilascio.
2. n. 1 Fotografia  formato tessera a colori.


Dal 15 Settembre 2012  è entrato in vigore il nuovo  "Contrassegno di parcheggio per disabili"  adeguato alla raccomandazione del Consiglio dell'Unione Europea n° 98/376/CE del 4 giugno 1998.
Contemporaneamente è stato  modificato il nostro Codice della Strada per quanto riguarda le norme che regolano la circolazione e il parcheggio dei veicoli destinati all'utilizzo da parte di persone con mobilità ridotta o nulla.

Il nuovo contrassegno a sfondo azzurro sostituisce i precedenti contrassegni di colore arancione.

Questi ultimi hanno perso validità anche sul territorio nazionale. I titolari ancora in possesso del contrasegno arancione devono recarsi allo sportello muniti di una fototessera recente e del vecchio contrassegno ed autorizzazione in originale per la sostituzione, che di norma avviene immediatamente.

Il contrassegno deve essere esposto “Esclusivamente in Originale” sulla parte anteriore del veicolo.

Il contrassegno  è, esclusivamente personale e non è cedibile, non è vincolato a un singolo veicolo ma la condizione obbligatoria che rende lecito l'utilizzo è la presenza dell'intestatario del contrassegno.

Il contrassegno deve essere esposto rendendo visibili solo gli estremi dell'autorizzazione e della sua scadenza. In caso di controllo ad opera delle autorità di vigilanza dovrà essere esibita anche l'autorizzazione rilasciata al momento della consegna del contrassegno.
IL contrassegno  permanente ha validità di cinque anni, a meno che non sia a tempo determinato in conseguenza di un'invalidità temporanea del richiedente.

Il contrassegno per disabili agevola  la mobilità delle persone con ridotta capacità di deambulazione e delle persone non vedenti. Il contrassegno consente ai disabili:
circolare nelle corsie preferenziali riservate ai mezzi pubblici e ai taxi;
circolare nelle aree pedonali, sempre che non sia stato disposto espresso divieto;
circolare nelle zone a traffico limitato (ztl);
sostare negli appositi spazi riservati ai veicoli delle persone disabili, tranne nelle aree  di parcheggio "personalizzate";
sostare nelle zone a traffico limitato (ztl);
sostare senza limitazioni di tempo nelle aree di parcheggio a tempo determinato;
sostare nelle zone di divieto o limitazione di sosta, purché ciò non costituisca intralcio alla circolazione, e comunque mai quando è esposto il pannello integrativo di zona di rimozione;
 
IL CONTRASSEGNO NON CONSENTE LA DEROGA AI DIVIETI DI SOSTA PREVISTI NEGLI ARTICOLI 157, 158 E DI ALTRE DISPOSIZIONI DEL CODICE DELLA STRADA IN CUI SIA PREVISTA LA RIMOZIONE O IL BLOCCO DEI VEICOLI E IN CASI IN CUI IL VEICOLO RECHI GRAVE INTRALCIO ALLA CIRCOLAZIONE

Si desidera infine porre l'attenzione sulla tipologia di cartellonistica stradale presente sul territorio italiano, infatti gli stalli di sosta sono di due tipologie:
-  ASSEGNATO. Lo stallo è assegnato e riservato ad un solo utente  ed è vincolato al n° di targa del veicolo o dell'autorizzazione personale.  Questo vincolo è reso noto con  un codice posto nella parte inferiore del cartello. Allo stato attuale nel nostro comune non sono presenti questi tipi di parcheggi, ma in particolare nelle grandi città è frequente reperire stalli assegnati

Handicap 02

- LIBERO. Lo stallo può essere occupato da qualsiasi soggetto il possesso di un contrassegno in corso di validità

Handicap 01

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

MODULISTICA

Istanza di rilascio tesserino (Editabile)

AngoloBagnoloMunicipioChiesa.jpgCHIESA SAN PIETRO IN VINCOLI - GRANDE FOTOGRAFIA -.jpgCHIESA VILLAR BAGNOLO.jpgCampanileAlaPiazzaSanPietro.jpgCastello2.jpgChiesaMontoso.jpgChiesaMontoso1.jpgChiesaMontosoConNeve.jpgChiesaVillaretto.jpgDSCN0361.JPGDSC_0042.JPGMONASTERO DOMINUS TECUM.jpgMONUMENTO AI CADUTI.jpgMUNICIPIO - ENTRATA.jpgMUNICIPIO.jpgP.zza San Pietro.JPGPARROCCHIA SAN PIETRO IN VINCOLI 2 FOTO.jpgPARROCCHIA SAN PIETRO IN VINCOLI.jpgala-piazzasanpietro.jpgalberodipietra.jpgcampanile-3.jpgcampanile.jpgfoto1.jpgfoto2.jpgloc. Montoso - Monumento ai Caduti per la libertà.jpg

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Dal 2 giugno 2015 in Italia entreranno in vigore i nuovi adempimenti previsti dalla normativa europea sui cookie. La tanto discussa cookie law conformemente a quanto stabilito nel provvedimento del Garante per la protezione dei dati personali dell'8 maggio 2014, recante "Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie", così la nostra piattaforma si è adeguata alla normativa, richiedendo il consenso a tutti i visitatori.

L'iniziativa del nostro Garante della Privacy non nasce dal nulla e non è altro che un atto dovuto di adeguamento della normativa Italiana a quanto disposto in sede europea: la cookie law, infatti, è un provvedimento nato a livello comunitario (direttiva 2009/136/CE) con l'intento di arginare la diffusione dei cosiddetti cookie di profilazione e dei connessi rischi per la privacy degli utenti di Internet.

Che cosa sono i cookie? I cookie sono file creati dai siti web visitati al fine di memorizzare le informazioni di navigazione, ad esempio le preferenze per i siti o i dati del profilo. Esistono due tipi di cookie. I cookie proprietari vengono impostati dal dominio del sito elencato nella barra degli indirizzi. I cookie di terze parti provengono da altri domini che contengono elementi, come annunci o immagini, incorporati nella pagina, noi non abbiamo cokie di terze parti.